Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

La Notte Nazionale del Liceo Classico: genio, ingegno, arte, parola.

11/01/2019 - 18:00

Genio, ingegno, arte, parola. E’ stata tessuta intorno a questi riferimenti la riflessione a Tivoli, lo scorso 11 Gennaio, nel corso della Notte Nazionale del Liceo Classico. L’edizione di quest’anno ha visto nuovamente il Liceo tiburtino aderire, assieme ad altri 433 licei classici in tutta Italia, per riaffermare il ruolo fondamentale della ricerca sull’uomo, a partire dalle riflessioni e dagli stimoli che lo studio dei Classici greci e latini non smette di offrire.

Ad animare la serata,  dibattiti, letture, poesie, teatro, musica, danza: gli alunni, assoluti protagonisti,  che hanno saputo dialogare con le Istituzioni,  sempre attente e sensibili a chi abbia idee da proporre, e con il pubblico. Interessantissima la tavola rotonda, che ha visto gli interventi del dott. Bruciati, Direttore del Va-Ve, della dott.ssa Angle, Responsabile del Santuario di Ercole Vincitore, del Dirigente Tecnico Flora Beggiato dell’USR, in rappresentanza anche del Direttore generale Gildo de Angelis, del Dirigente Scolastico Nicola Armignacca, delle proff. Maria Rita Lattanzi e Maria Losito, della dott.ssa Claudia Zanelli e degli studenti Alessandro Transulti e Luca Colangeli. Nel corso del dibattito, ragazzi e Istituzioni hanno dialogato su quando il gesto del ‘genio’ diventi arte: avviene se e  quando si scardinano i contenuti consolidati delle nostre rappresentazioni della realtà, li si mette in crisi dimostrandoli insufficienti, e si arriva a proporre nuove categorie per nuovi orizzonti. E’ una tale frattura a generare nuove idee, di qui il progresso che si alimenta di nuove parole, realizzando pienamente l’’ingegno’  che caratterizza l’umano. E la scuola dovrebbe essere pronta a cogliere e a sollecitare quel gesto: riprendendo la parole del Dirigente Scolastico, prof. Nicola Armignacca, è essenziale che la scuola, e il nostro Liceo Classico si è impegnato a farlo, passi dalla logica dell’esercizio, che prevede la ripetizione di una serie di gesti già codificati per giungere ad una soluzione già nota, a quella del problema, che propone una sfida da risolvere, la cui soluzione è tutta da scrivere. E’ su tale terreno che studenti e insegnanti si impegnano a collaborare: i primi con il loro ‘genio’, i secondi con un attento percorso di formazione ed educazione, che sappia accostare, in una logica dei saperi sempre più interdipendenti, al presente i valori umani tipici della tradizione classica, essenziali per la formazione della persona prima, e poi dell’acquisizione delle competenze da esprimere sul posto del futuro lavoro. Non male per una notte!

Dopo il dibattito, spazio al puro genio dei ragazzi: da una lettura teatrale intimistica e poetica delle Metamorfosi di Ovidio, ad una coreografia ispirata alla vita del Liceo, ad una esilarante e dissacrante intervista impossibile ad una Beatrice molto disinvolta e orgogliosamente femminista, che sembrava essere sfuggita alle idealizzazioni del sommo Dante, e poi poesie, premi letterari, tanta musica interpretata dagli studenti, la danza del sirtaki e quella che ha sottolineato la lettura del brano dell’amante-donna (per una volta) esclusa e al di qua di un porta chiusa, dal suo uomo  (il celeberrimo Fragmentum Grenfellianum, proposto dal coordinamento nazionale della Notte).

Per chi ha assistito e partecipato, la rassicurante sensazione, almeno per una notte, per altro ospitata negli ampi e moderni locali della nuova sede del Liceo Classico di Strada Rivellese,  che la scuola non è popolata  di burocrati stanchi e giovani teppisti svogliati, ma anzi si propone al territorio come polo attivo  per la rinascita e lo sviluppo del nostro domani.

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal ver.7.56 del 21/06/2017 agg.23/11/2017